Profumo di donna…

 

Profumo di donna

Non c’è possibilità di errori nel tango, non è come la vita: è piu semplice! Per questo il tango è cosi’ bello: commetti uno sbaglio ma non è mai irreparabile, seguiti a ballare!

Chi ha visto Profumo di donna sogna di ballare il tango almeno una volta nella vita. O per meglio dire, ogni donna che ha visto questo film … e ogni quinto uomo, (solo uno su dieci poi lo ammette pubblicamente).

Quattro minuti e mezzo tratti da un film che dura oltre due ore. Quattro minuti e mezzo distaccati dal resto. Una scena che apparentemente non ha nulla a che fare con film, che è pero sia il motto che il titolo del film.

E, solo per chiarimenti, non ignoro la versione originale del 1974 con il geniale Vittorio Gassman. Tuttavia, penso che difficilmente qualcuno la ricordi. La versione degli dei olimpici moderni non è male. Geniale Al Pacino.

Tornando al punto….

Cosa attrae le donne in questa scena? È il ballo? Questo ragazzo giovane e innocente? Al Pacino e il suo carisma? Forse, in minima parte, un po’ tutti questi elementi…ma che cos’è che ha reso questa scena cosi famosa?

Dana. Il carattere femmile del film.

Il suo profumo, la sua sensualità, la sua delicatezza, il suo fascino.

Il regista ha avuto bisigno di soli quattro minuti e mezzo per mostrarci l’essenza della femminilità. E l’essenza del tango. Il ballo in se non è perfetto, forse nemmeno buono. Ma la scena lo è. Lei è delicata, bella, graziosa. Non esageratamente sensuale. Un semplice abito nero, capelli raccolti in una crocchia, orecchini delicati e labbra rosse. Una donna.

E’ per lei, per una donna, pensando a lei, che abbiamo  iniziato a creare la nostra collezione.

Ripeopongo la scena del film nel link qui sotto.

https://www.youtube.com/watch?v=F2zTd_YwTvo

Guardate la bellezza della sua schiena, la delicatezza del suo collo. Qui si trova qui la nostra prima fonte di ispirazione.

https://www.gantle.it/en/collection/artemide/

 

top